Attualità da questa area

Attualità da questa area

Perché abbiamo bisogno di una società antroposofica

Non si tratta di diventare membri di una società come le altre: piuttosto, portando con sé la propria realtà umana e cosmica, di integrarsi ad un nuovo edificio sociale, partecipandovi e fondandolo ogni giorno da capo.

 … >>

Il Convegno di Natale dal 1923 al 2023

Nell'intervista sul Convegno di Natale del 2023 chiediamo a Clara Steinemann, tra l'altro, se l'Antroposofia sia una scuola esoterica, un discorso filosofico sull'essere umano o qualcos'altro ancora.

 … >>

Corso di Goetheanismo, un metodo scientifico ancora ignoto

Il Forum per la Scienza dello Spirito inaugura quest'anno un corso di studi quadriennale dedicato al Goetheanismo, a partire da settembre 2023.
L'obiettivo del corso è quello di apprendere un modo di conoscere liberatorio e aperto al futuro, attraverso il quale la personalità umana e successivamente anche la sua dimensione sociale possano svilupparsi in un futuro degno dell'essere umano.

Abbiamo rivolto alcune domande a Iris-Astrid Seiler, dottoressa in psicologia, co-organizzatrice e docente del corso.

 … >>

Schweizer Mitteilung

Notiziario della vita antroposofica – maggio 2023

Il Notiziario di giugno pubblica il resoconto in lingua francese e tedesca della conferenza dei delegati tenutasi il 22 aprile 2023 a Will (San Gallo), svoltasi in un'atmosfera ricca di storia e venerazione, rivelatasi estremamente stimolante per l'incontro stesso. Il tema, la cultura della conversazione, è stato svolto in maniera vivace e interessante, anche attraverso esempi ed esercizi che hanno contribuito a mostrare quanto esercizio interiore la conversazione richieda.

 … >>

Schweizer Mitteilung

Notiziario dell'antroposofia in Svizzera

Il numero di maggio di Antroposofia – notizie dalla Svizzera si apre con l'articolo Sulla soglia di una nuova realtà – Angeloi si mescolano tra gli uomini, di Franz Ackermann, nella quale l'autore segue un'indicazione di Rudolf Steiner, il quale diceva che gli angeli sempre di più sarebbero entrati in un'intima comunione con gli esseri umani e che sarebbe stato importante percepirli.

 … >>

La scuola di Michele – Convegno della società antroposofica in Svizzera

Nel centenario della fondazione della Società Antroposofica Universale, il convegno della società svizzera mette al centro il tema micheliano: dove viviamo oggi la comunità? Come possiamo costruire una comunità animandola nel senso dello spirito di Michele?

 … >>

Convegno mondiale del Goetheanum

L'invito arriva con un anno di anticipo: per le giornate dedicate a San Michele, dal 27 settembre al 1 ottobre 2023, la direzione del Goetheanum invita coloro che danno forma alla vita antroposofica a una grande conferenza di lavoro per trovare insieme nuove prospettive.

 … >>

Corso di Goetheanismo, un metodo scientifico ancora ignoto

Il Forum per la Scienza dello Spirito inaugura quest'anno un corso di studi quadriennale dedicato al Goetheanismo, a partire da settembre 2023. Abbiamo rivolto alcune domande a Iris-Astrid Seiler, dottoressa in psicologia, co-organizzatrice e docente del corso.

  • Che cos’è il Forum per la Scienza dello Spirito (FFG) e cos'è Agora? Si tratta di associazioni in qualche modo collegate?


Il Forum per la Scienza dello Spirito (Forum für Geistesswissenschaft) è un'associazione impegnata nella promozione della Scienza dello Spirito di Rudolf Steiner. Agora è una rivista pubblicata a partire da un’iniziativa privata. L’editrice desidera promuovere la Scienza dello Spirito con un approccio giornalistico.

  • Come è nato questo programma di studio? È la prima volta che viene offerto?


Il programma di studio sul Goetheanismo viene inaugurato con questo semestre. Si tratta di un bilancio di 100 anni di discussioni sul lavoro di Rudolf Steiner. Questo percorso mira a fornire una linea guida per orientarsi nell’opera omnia (GA in tedesco, ndr) e per imparare e lavorare in modo concreto e sensibile allo spirito dei nostri tempi nella direzione indicata da Rudolf Steiner.

  • Come sarà strutturato lo studio?


Il programma è suddiviso in quattro anni. I primi due prevedono l’introduzione alle più importanti questioni culturali legate all’antroposofia. Durante il terzo anno verrà introdotta la filosofia del Goetheanismo, cioè il lavoro iniziale di Rudolf Steiner, e nel quarto anno la teosofia del Goetheanismo, frutto del lavoro successivo di Rudolf Steiner. Praticamente si tratterà soprattutto di lezioni ed esercizi. Il programma di studio è molto concentrato e può essere completato part-time.

  • È sempre interessante chiedere ad altri come intendono l'antroposofia. L’antroposofia compresa è anche il titolo di uno dei vostri corsi. 


Sì, esattamente. Ci vuole almeno un corso per capire cosa potrebbe essere una comprensione dell'antroposofia. Essa è il frutto del lavoro di una vita e una novità assoluta. Davvero non la si può definire in poche righe. Il nostro punto di vista è che una comprensione moderna e critica di qualsiasi tema antroposofico, ad esempio il concetto di karma, è possibile solo a condizione che si conosca e si sia in grado di valutare il significato delle prime opere di Rudolf Steiner.

  • L’antroposofia ha dato nuova vita a molti contenuti. Il Goetheanismo è uno di questi. Come pensa che questi diversi campi dell'anima e dello spirito possano essere collegati?

Qui è necessaria una differenziazione. Il Goetheanismo di Rudolf Steiner è la sua novità assoluta. Attraverso di esso si realizzò la possibilità di lavorare empiricamente nell’ambito spirituale, cioè di esplorare, sperimentando, aree precedentemente tenute nascoste dalla teologia e dalla metafisica. “I risultati dell'osservazione animica secondo il metodo delle scienze naturali” è il sottotitolo della  “Filosofia della Libertà” di Rudolf Steiner. La ricerca spirituale che egli propone “rende tutto nuovo”. Quando siamo toccati da questo potere di resurrezione, ne rimaniamo come entusiasti. I diversi campi sono collegati proprio in Rudolf Steiner e possiamo trovare la loro origine comune nella sua Filosofia della Libertà. Dobbiamo solo permetterci di essere discepoli di Rudolf Steiner fino alla fine della nostra vita e ben oltre, indipendentemente dai meriti esteriori e interiori che pensiamo di aver già raggiunto. Rudolf Steiner, in un certo senso, è ancora di là da venire. Diventa per noi sempre più vicino quanto più maturi diventiamo noi.

 

Grazie ad Iris-Astrid Seiler per la Sua disponibilità.

Giovanni Tobia De Benedetti

Torna indietro