Attualità da questa area

Attualità da questa area

Anche quest’anno è partita la formazione ideata dall’Aubier. Lo studio e il lavoro ne sono solo una forma esteriore, poiché lo scopo è quello di passare dalle forze della competizione a quelle dell’associazione.

 … 

Il convegno unisce la discussione teorica con la rassegna di molteplici realtà svizzere che realizzano la triarticolazione sociale nel loro percorso.

 … 

Si dice che un’economia sana debba crescere e che la crescita sia necessaria al suo buon funzionamento. Questo principio è sostenuto dalla maggioranza dei modelli economici in vigore. Eppure, non tiene conto della realtà : l’economia si sviluppa in un mondo che non è infinito ; un mondo limitato.

 … 

La storia di Monsanto costituisce quindi un paradigma dell’impunità che riguarda tanto le imprese transnazionali quanto i loro dirigenti, che al peggioramento del cambiamento climatico e allo sbilanciamento della biosfera minacciando così la sicurezza del pianeta.  … 

Costituzione consente ora analisi genetiche degli embrioni prima del loro impianto nell’utero (diagnosi preimpianto o DPI). Si parla del prossimo passo: la LPAM modificata autorizza le analisi in vitro a determinate condizioni. Questa LPAM è tuttavia di portata troppo ampia. … 

Triarticolazione – Svizzera

Convegno al Goetheanum – 25-27 novembre

Per come la sviluppò Steiner durante la Prima Guerra mondiale, la triarticolazione dell’organismo sociale non è da intendersi né come un concetto, né come un programma politico, né tantomeno come un’utopia.

Oggi possiamo considerarla in primo luogo come una descrizione dettagliata della realtà, rappresentata da tre ambiti della vita umana caratterizzati da un’influenza reciproca. Nelle piante distinguiamo tre processi caratteristici della costruzione dell’organismo: la formazione delle radici, l’aprirsi delle foglie, la maturazione dei semi. Allo stesso modo, nell’organismo sociale, possiamo distinguere come elementi autonomi e nondimeno in un rapporto di mutuo scambio l’ambito culturale e intellettuale, quello della giurisprudenza e quello dell’economia e del commercio. 

In secondo luogo, si può considerare come un obiettivo cui tendere quello di un’organizzazione dei rapporti sociali così come vengono intesi dalla triarticolazione sociale; per tornare alla metafora della pianta, essa vive in modo del tutto naturale nell’armonia dei tre processi già menzionati. Tale equilibrio fra le tre articolazioni della società umana è stato, in altre epoche, il risultato di una vita condotta sotto la guida dell’elemento spirituale. L’umanità del nostro secolo tende con tutte le sue forze alla libertà: in questa situazione, l’intesa sociale è diventata un nuovo obiettivo, da coltivare nel senso di un’aspirazione comune verso la conoscenza e verso l’azione.

Infine, si può pensare che lo sviluppo dell’organismo sociale nella sua natura tripartita è un’urgente necessità. Di fronte alla catastrofe della guerra, Rudolf Steiner scrisse nel marzo 1919 un “Appello al popolo tedesco e al mondo della cultura”, nel quale chiosa: « In ispirito si sentono i pratici che si pronunciano in merito alla complicazione di quanto è stato qui detto, che trovano scomodo anche solo pensare alla collaborazione fra i tre enti perché non vogliono sapere nulla delle vere esigenze della vita, volendo invece strutturare tutto secondo le comode esigenze del loro modo di pensare. A loro deve però diventar chiaro che o ci si adegua col proprio pensare alle esigenze della realtà, oppure non si impara nulla dalle disgrazie e si moltiplica all’infinito il male fatto mediante l’altro male che sorgerà » (GA 23, Capitolo V, trad. it. di Lina Schwarz e Iberto Bavastro, I punti essenziali della questione sociale, Editrice Antroposofica, Milano, 2017).

La Seconda Guerra mondiale seguì alla prima. Ci si può oggi domandare in che misura le cause che scatenarono quegli eventi continuano oggi ad esercitare la loro influenza. Un vero cambiamento sarà possibile nel riconoscere la triarticolazione dell’organismo sociale come una realtà, scegliendola quindi come un obiettivo necessario.
A questo impulso è dedicato il convegno, che si svolgerà dal 25 al 27 novembre al Goetheanum, a Dornach.

 

Movimento per la triarticolazione sociale in Svizzera

Sotto questo nome si stanno raccogliendo diverse iniziative che dirigono il loro impegno verso la triarticolazione dell’organismo sociale. Un comitato per le iniziative si è raccolto intorno a Marc Desaules, Jean-Marc Decressonière, Jonathan Keller, Jens-Peter Manfrass, Cristóbal Ortín, Ursula Ostermai, Erika Schär et Marc C. Theurillat. Fionn Meier e Michael Gambarini hanno accettato l’incarico in un ruolo direzionale. Diversi organizzatori del convegno si sono già uniti al movimento. Per chi volesse più ampi chiarimenti, ed eventualmente prendere contatto col movimento, siamo raggiungibili all’indirizzo mail fionmeier@posteo.de.

Costi del convegno, compresi il pranzo e due cene
copertura dei costi: CHF 175 CHF 225
sostenitore: CHF 350 CHF 400
ridotto: CHF 125 CHF 175

Link per iscriversi al convegno

Organizzazione :
Società Antroposofica Svizzera — Movimento confoedera
La Comunità dei Cristiani svizzera — Società per la promozione della democrazia in Svizzera —
Freie Gemeinschaftsbank Basel — Interessengemeinschaft Zukunft Schweiz —
L’Aubier — Schweizerischer Verband der Konsumentenvereine — Sezione di
Scienze sociali al Goetheanum — Fondazione Edith Maryon, Basilea —
Fondazione Trigon, Arlesheim

Torna indietro